Robbie Williams - "The Heavy Entertainment Show"

Esce il 4 Novembre 2016 il "The Heavy Entertainment Show", il nuovo disco di Robbie Williams, per la Columbia Records/Sony Records. Williams, lo show man per eccellenza, pubblica così il suo undicesimo disco, che vede la collaborazione con artisti come Guy ChambersJohn Grant, Rufus Wainwright, Brandon Flowers dei The KillersEd SheeranStuart PriceSerge Gainsbourg Sergei Prokofiev
Stiamo parlando di un artista che ha fatto lo stesso record di Elvis Presley portando tutti i propri album sulle classifiche di tutto il mondo.
C'è  quindi energia, bellezza e ritmi pop in un lavoro fatto con l'intento di intrattenere pur se senza troppa leggerezza; a tal proposito Robbie ha dichiarato: Stavo riflettendo sul concetto di 'light entertainment' - ha raccontato il cantante - ovvero tutti i pi importanti show televisivi di quando ero un bambino, con 30 milioni di telespettatori davanti alla tv che condividevano insieme una grande esperienza. Ho pensato che a volte questo spettacolo può arrivare alle persone anche in modo forte e questo è per me "heavy entertainment". Ed è proprio quello che spero di fare con questo album: condividere un'esperienza con milioni di persone con un mezzo di intrattenimento leggero... ma con gli steroidi!
In allegato uscirà inoltre, un dvd con la versione strumentale di "The Heavy Entertainment Show", il video ufficiale e il "dietro le quinte" di "Party Like a Russian" e uno speciale video track-by-track.
Ascoltandolo, questo bel disco si apre con il pezzo che dà titolo al disco 'The Heavy Entertainment Show', brano eclettico e sfavillante, caratterizzato da un a luminosità splendente, seguito dalla martellante e festiva 'Party like a Russian' e dal duetto nella scrittura con Brandon Flowers (The Killers) in "Mixed Signals", un pezzo pop romantico e travolgente. 
'Love my life' è un inno alla vita, mentre 'Motherfucker' è una sorta di auto - esortazione a reagire ''Cause you're a man, motherfucker!' ed è ancora con energia che Robbie Williams ci canta un pezzo dal nome 'Bruce Lee' (prodotto da Stuart Price). Le atmosfere sono da spiaggia al tramonto in 'Sensitive' (altro brano prodotto da Stuart Price) e viene introdotta dal piano 'David's Song', forse unico brano velato da un certo grado di tristezza e legato a riflessioni profonde come quelle legate al lasciar andare chi si ama. Robbie è grintoso in 'Pretty woman', scritta con la collaborazione di Ed Sheeran;  si incontra la voce straordinaria di Rufus Wainwright in "Hotel Crazy" e le scintille esplodono attraverso la musica e le parole di 'Sensational'.
Nella Deluxe Edition si torna ad un romanticismo sovrastante in 'Marry me' e alla dolcezza in 'When you know'. Le atmosfere sono quasi psichedeliche in 'Time on earth', un brano sul tempo e sul modo di usarlo e lo segue il duetto con  John Grant sulle note di "I Don't Want To Hurt You"; le 'Best Intentions' sono a dir poco speciali, un po' come il magnifico Robbie Williams, voce e simbolo del pop moderno.

robbie williams, the heavy entertainment show

Articoli correlati

Recensioni

“american epic – the sessions” vol...

19/06/2017 | leslie-fadlon

Venerdì 9 giugno 2017 la columbia records ha pubblicato “american epic: the sessions”, una raccolta contenente la colonna sonora del documentario diretto da be...

Recensioni

''hugolini'' di hugolini

15/06/2017 | valeriasurace

Il 12 maggio 2017 e' uscito ''hugolini'', il primo disco da solista di lorenzo ugolini, prodotto da enrico greppi dei bandabardo'. Il cantautore, oltre a essere molto att...

Recensioni

Andrea laszlo de simone - "uomo donna"

12/06/2017 | leslie-fadlon

il 9 giugno 2017 è stato pubblicato per 42 records il primo disco di andrea laszlo de simone, con il titolo “uomo donna”. Quello che stiamo recensendo &egra...

2445150 foto scattate

15209114 messaggi scambiati

848 utenti online

1350 visitatori online