DEKEL: INTERVISTA ALL'ARTISTA ISRAELIANA  PER IL NUOVO ALBUM 'DESERT MOON'

DEKEL: INTERVISTA ALL'ARTISTA ISRAELIANA PER IL NUOVO ALBUM 'DESERT MOON'

Ciao Dekel, il tuo album "Desert Moon" è una combinazione di ritmi globali tra indie-rock e atmosfere esotiche. Quale artista ti ha ispirato di più durante l'adolescenza?
 
Durante la mia adolescenza esploravo tutti i generi musicali e ascoltavo molti artisti. Non c'è un artista in particolare a cui mi ispiravo. Anche i miei insegnanti mi presentavano ogni tipo di brano musicale e di compositore in quel periodo. Quindi il mio compito era quello di essere aperto e di succhiare tutto come una spugna.
 
 
"Nomads" è molto poetico e profondo, una grande colonna sonora di un film immaginario. Come è nata?
 
"Nomads" è una canzone d'amore per i miei genitori, per la mia famiglia. Loro mi danno molta ispirazione. È il mio regalo per loro, il mio apprezzamento, se così si può dire. È nata attraverso schizzi, idee e immagini che ho "tradotto" in parole.
 
Hai studiato alla Beit Zvi School of Performing Arts e in "How Bizarre" si percepisce questa sensazione. C'è una storia divertente dietro la canzone?
 
Oh sì, "How Bizarre" è l'esempio perfetto di una canzone che è fondamentalmente una storia su toni e note. Prende scenari reali che sono realmente accaduti e li espande ed esagera fino a limiti divertenti e folli. Adoro farlo.
 
Ami le opere dello Studio Ghibli, come testimoniano anche i tuoi video. Hai avuto modo di incontrare Miyazaki o non ancora?
 
Oh, mio Dio! Sarebbe fantastico incontrare Miyazaki e visitare lo studio stesso. Non è ancora successo :) Sarebbe fantastico se le mie canzoni fossero la colonna sonora di questi film.
 
 
Lavori come volontaria con gli animali. C'è una canzone dell'album dedicata a loro che mostra questo aspetto del tuo carattere?
 
Lavorare con gli animali mi insegna l'amore incondizionato e l'umiltà. Apre i canali a una comunicazione diversa e questo è il valore che traggo dal lavoro in quell'ambito e lo trasmetto nella musica.
 
 
Nightguide è un sito web dedicato ai club e ai festival. C'è un locale o un festival che ti rende orgoglioso di essere un israeliano e perché?
 
Ci sono alcuni locali israeliani che ritengo molto validi, ma non mi rendono orgoglioso di loro o del fatto che siano israeliani semplicemente perché non li ho inventati o prodotti io. Proverei apprezzamento nei confronti di chi li ha inventati. Mi sento orgoglioso solo delle cose che faccio e che ottengo.
 
 
Qual è il tuo prossimo passo, un tour, la registrazione di un nuovo album o semplicemente una pausa dalla musica?
 
Il prossimo passo sarebbe un tour e la realizzazione di un nuovo progetto musicale.





Articoli correlati

Musica

Double Clash, ci si scatena con "Talking with Myself”, su UMM

19/07/2024 | lorenzotiezzi

  abbiamo incontrato i double clash, ovvero frankie p e ciuffo, due dei dj italiani più stimati. Vanno oltre il concetto di back2back, oltre il concetto di un di...

Musica

Giuliano Crupi dal vivo a Sant’Onofrio di Campli

19/07/2024 | lorenzotiezzi

  giuliano crupi continua a emozionare il pubblico con il suo "luce tour". Questa sera, il cantautore romano salirà sul palco di sant'onofrio di campli, teramo, (pi...

Musica

Frontemare Rimini, un grande weekend: 19/07 Eugenio Colombo Guest, 20/07 Atmosphere, 21/07 Apericena Latino

17/07/2024 | lorenzotiezzi

       il frontemare rimini si appresta a proporre una nuova line up di eventi nel weekend da non perdere, dopo la presenza a sorpresa di anna falchi venerdì sc...

424678 utenti registrati

17095803 messaggi scambiati

17781 utenti online

28325 visitatori online